.
Annunci online

 
qualcosadiriformista 
per il governo e per il partito democratico
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  aldo torchiaro
francesco ori
il nuovo blog di francesco costa
efisio de muru
Martina Alice De Carli
ANPPIA
ANPI
paolino madotto
Dalla parte delle riforme
rinascita nazionale
serena colonna
Chitifaitaliavotano
valentinopiglionica
30 anni: blog di un'amica indaffarata
Cavaliere errante
galatea
la battitura
sergio ragone
antonio cimadomo
la tribù!!!
Piccola patria
il pane e le rose
ds cinema blog e non solo
la germania con gli occhi di un italiano
gianni cuperlo
gianni pittella
piero lacorazza
mario adinolfi
ds macerata
renato armignacco
furseteo
simone silvi
blog per la margherita
il commentario
enzo amendola
federica mogherini
monti sibillini
andrea catena
titollo
luigi rossi
laura
galatea
  cerca


 

Questo blog aderisce a

 
 




Una esperienza da ripetere

http://feeds.feedburner.com/Qualcosadiriformista
Registra il tuo sito nei motori di ricerca


 

Diario | SMS PER DIRE NO | RUBRICA BLOG UNITA' |
 
Diario
555399visite.

29 settembre 2009

Le primarie "scomode"

I dati del congresso del PD iniziano a consolidarsi e nel complesso il quadro è - punto più punto meno- delineato.

PRIMARIE APERTE E VERE CON TRE CANDIDATI
1. Bersani vince tra gli iscritti del PD con la maggioranza assoluta dei voti espressi, ma non va molto oltre. Attualmente intorno al 55%. Franceschini ottiene un buon dato, tra il 35 eil 38%, che dimostra una presenza solida un pò in tutta Italia. Buono anche il dato di Marino che supera agevolmente il 5% (siamo intorno all'8%, punto più punto meno) e pur molto meno organizzato (escluso il Lazio e poco più) correrà per le primarie.
2. Le primarie sono molto aperte e - per ricorrere alla F1- se con le qualificazioni la griglia di partenza è ben stabilita, con Bersani in Pole e Franceschini in prima fila, il gran premio è tutto da giocare.
3. Nessuno oggi ha il "polso della situazione" sulle primarie.
Nessuno cioè sa in quanti andranno a votare e cosa voteranno. Così come è difficile pensare che il voto dei circoli sia specchio fedele dell'orientamento del "popolo delle primarie". La scarsa corrispondenza tra orientamento interno ed esterno è anzi uno dei punti delicati delle primarie.

UNA QUESTIONE SCOMODA..
In alcune situazioni locali abbiamo che un candidato sia stato scelto con voto bulgaro.. percentuali anche superiori al 90% si sono viste in diverse, forse troppe, situazioni. Se poi alle primarie, su quello stesso territorio, i cittadini dovessero sconfessare la scelta del partito, dovrebbero essere ritenuti "colpevoli" di non aver capito nulla o si dovrebbe pensare che in quel territorio il partito non è capace di rappresentare nemmeno i suoi simpatizzanti e dunque andrebbe drasticamente ripensato, anche nei suoi gruppi dirigenti?

sfoglia
agosto        ottobre